“Era un uomo complesso, profondo, sfuggente, sibillino”

Umberto Cesàri (Chieti 1920 – Roma 1992) è stato uno dei più grandi pianisti jazz del XX secolo. Un virtuoso trascendentale, un improvvisatore inarrestabile, un musicista dotato di una curiosità divorante e una fantasia inesauribile, un artista totale, con i suoi interessi per molteplici forme espressive, un uomo dalla vicenda umana singolare.

Misconosciuto in vita, chiuso nel suo mondo nel quale si era recluso, Cesàri è stato nondimeno un punto di riferimento per molti musicisti italianI.

Una figura leggendaria, che negli ultimi anni ha riconquistato una fisionomia concreta ancor più stupefacente, grazie alle ricerche di Marcello Piras e ai saggi pubblicati in un volume del 2001 curato da Stefano Zenni. Questo sito rende disponibili questi ed altri materiali al pubblico più ampio possibile, in modo da ricollocare Umberto Cesàri nella posizione che gli spetta nella storia della musica del nostro tempo.

 

Stefano Zenni.